ciro2Ciao! Sono Ciro, professione attaccante.
Sono nato il 20 febbraio 1990 a Torre Annunziata, cittadina della provincia di Napoli a cui sono tuttora molto legato.
Attualmente gioco in Germania con il Borussia Dortmund e con la Nazionale italiana, ma dai primi calci al pallone ad oggi ne ho fatta di strada!

Ho iniziato a cinque anni, crescendo nelle giovanili di Torre Annunziata e Sorrento: nella stagione 2007/2008, nella categoria Allievi ho segnato 30 gol, impressionando gli osservatori della Juventus per una doppietta contro… il Torino!
Grazie anche alla consulenza dell’amico Ciro Ferrara, mi sono trasferito a Torino (sponda Juve) iniziando a giocare nella Primavera; nel primo anno insieme ai compagni abbiamo vinto il Torneo di Viareggio, e nella finale con la Samp ho messo a segno una doppietta. Solo qualche mese dopo, il 14 marzo 2009, ho vissuto uno dei momenti più emozionanti della mia carriera: a pochi minuti dalla fine di Juventus-Bologna, ho esordito in serie A subentrando al posto del Capitano Alessandro Del Piero, uno dei simboli del calcio italiano.
Di lì a qualche giorno (25 marzo 2009) ho vestito per la prima volta la maglia azzurra dell’Under 21 in occasione di Austria-Italia (2-2), e nello stesso anno ho giocato anche per la selezione Under 20 di Francesco Rocca con la quale partecipo ai Giochi del Mediterraneo che si si sono svolti a Pescara. Pescara, ricordate.
Nel mio ultimo anno alla Juventus, ho esordito nelle Coppe Europee sostituendo al 23′ della ripresa ancora una volta Del Piero: è Bordeaux-Juventus di Champions League. Nel frattempo, ho continuato a segnare in Primavera, e al Torneo di Viareggio faccio il bis segnando una tripletta nella finale vinta contro l’Empoli 4-2, guadagnandomi il “Golden Boy” come miglior giocatore del torneo e il titolo di capocannoniere con ben 10 reti.
Finita la mia trafila nelle giovanili, sono passato in prestito al Siena, dove il 27 ottobre ho messo a segno la mia prima rete tra i professionisti: piatto destro, e gol nel terzo turno di Coppa Italia contro il Lecce. Qualche giorno dopo c’è stato anche il primo gol in serie B, contro il Portogruaro, ma a Siena non sono riuscito a guadagnarmi la maglia da titolare e mi sono trasferito quindi al Grosseto, con la cui maglia esordisco a fine gennaio 2011 e con cui finisco la stagione.
La svolta è arrivata il 17 agosto 2011: sempre in prestito approdo al Pescara di mister Zeman. Dopo le prime due partite in campionato con gol, contro Verona e Empoli, ho subito capito di aver trovato un gruppo e un clima fantastico nel quale far valere le mie potenzialità, sia come calciatore che come uomo. Segno 28 gol in 37 partite, sono capocannoniere del torneo ma soprattutto la squadra vince il campionato, il che significa promozione in serie A.
Il resto è storia recente: ad agosto 2012 incomincio la mia prima stagione di serie A con la maglia del Genoa, che a gennaio aveva comprato metà del mio cartellino dalla Juve: con i rossoblù segno la mia prima rete in serie A. E’ il 26 agosto, e contro il Cagliari insacco a 5′ minuti dalla fine. La serie A però è dura anche per il capocannoniere della B, e faccio un po’ di fatica. Nel frattempo però continuo a segnare in Under 21: il 25 aprile 2012 metto a segno il primo gol in azzurrino, e partecipo l’anno successivo all’Europeo di categoria in Israele, esperienza tanto bella quanto amara visto che nella finale non basta un mio gol a evitare la sconfitta contro la Spagna (4-2).
Il 12 luglio 2013 la Juventus risolve a proprio favore la comproprietà con il Genoa e nello stesso giorno cede la metà del mio cartellino al Torino. Cinque giorni dopo esordisco in maglia Granata in Coppa Italia proprio contro la squadra che mi ha lanciato tra i grandi, il Pescara; segno il mio primo gol stagionale ma nonostante ciò, usciamo sconfitti 2-1. La stagione però va alla grande: partita dopo partita e gol dopo gol mi guadagno il titolo di capocannoniere della Serie A con 22 gol. La prima doppietta arriva contro il Chievo il 22 dicembre, la prima tripletta qualche mese dopo contro il Livorno (3-1). Queste reti mi portano a realizzare il sogno più grande: l’esordio in azzurro, il 5 marzo 2014 a Madrid contro i campioni del Mondo della Spagna. Attualmente sono nei 30 azzurri che si giocano il posto al Mondiale in Brasile: chi l’avrebbe mai detto?
Il 1 Giugno vengo inserito ufficialmente nei 23 azzurri che parteciperanno ai Mondiali di Brasile 2014.
Il 2 Giugno 2014 firmo un contratto quinquennale con il Borussia Dortmund.